TourMap per il movimento merci

Un sistema RFID è costituito da un ricetrasmettitore (lettore) e da uno o più transponders capaci di comunicare tra di loro mediante un segnale modulato a radio frequenza. Nel caso si utilizzi un transponder di tipo passivo (che non richiede a bordo una batteria per l’alimentazione), l’energia necessaria al suo funzionamento viene fornita dal ricetrasmettitore che attraverso la sua antenna genera un opportuno campo magnetico a RF.
1

Il transponder capta la RF con la propria antenna andando a caricare un piccolo condensatore che vi si trova integrato. Quando la tensione ai capi del condensatore ha superato un certo valore, il transponder invia al ricetrasmettitore i dati contenuti nella sua memoria modulando il segnale a RF.
Questi dati rappresentano, nel caso di un transponder a sola lettura, un codice unico, scelto tra parecchi miliardi di combinazioni possibili, che viene memorizzato sul chip durante la sua produzione. I dati possono essere inviati in entrambe le direzioni a seconda delle caratteristiche del transponder (e ovviamente, del ricevitore) che può incorporare sia un chip con una memoria ROM (scritta in fase di lavorazione del chip e che può essere solo letta) oppure una memoria tipo EEPROM che ne consente sia la lettura che la scrittura e su cui possono essere scritte (e riscritte) varie informazioni relative all'oggetto che si intende riconoscere. È facile a questo punto immaginare la intrinseca efficacia di un sistema di identificazione di questo tipo e la versatilità ottenibile con un sistema di raccolta dati che lo utilizzi.

Le possibilità di applicazione di questa nuova ed affascinante tecnologia sono dunque molto vaste e lo diventeranno ancora di più nell'immediato futuro con i nuovi sviluppi di cui già si intravedono le implicazioni.
I sistemi RFID risultano particolarmente utili quando si vuole realizzare una lettura senza contatto diretto lettore-oggetto da identificare, quando si vuole la massima sicurezza nel trasferimento dell’informazione (la percentuale di letture corrette al primo tentativo è superiore al 99.5 %), quando si lavora in ambienti sporchi o particolarmente severi in cui le tecniche più tradizionali falliscono e quando, per esempio, non si vuole rivelare la presenza di un sistema di controllo.

Controllers e Antenne per ricevere e trasmettere dati

1

Le Antenne, che si differenziano per dimensione e forma, secondo i campi d’applicazione, sono di norma associate ai Lettori/Scrittori di Tags o ai Controllers, che fungono da interfaccia tra le prime ed eventuali Personal Computer, PLC od Host System, a cui devono riferirsi per lo scambio dei dati.
Le antenne generano un campo magnetico (più o meno grande a seconda della dimensione dell’antenna) e captano il segnale emesso dal Tag, che transita nella zona controllata.

Con TourMap controllare la flotta di veicoli e contempraneamente il movimento delle merci è diventato una realtà alla portata di tutti.

Ciclo tipico di operazioni:

  • Carico del materiale: il lettore "sente" il Tag RF, ne memorizza i dati contenuti, la posizione, l'ora di carico e trasmette il tutto alla centrale
  • Viaggio: il ricevitore GPS memorizza costantemente le posizioni del veicolo e contemporaneamente trasmette alla centrale posizione, velocità, stato dei vari sensori
  • Scarico del materiale: come per le operazioni di carico, viene memorizzato il punto, l'ora e l'identificatore del materiale
  • Analisi dei dati: TourMap memorizza i dati ricevuti permettendo così un'analisi dettagliata di tutti gli aspetti del viaggio: durata, velocità massima e media, luoghi di carico e scarico ecc
Configurazione del sistema:
1

Applicazioni Tipiche RFId

Apertura porte, cancelli, serrande garage...
Building automation
Sistemi di accesso a piscine, parchi divertimenti, zone sciistiche
Gestione parcheggi
Gestione Documentale e Archivi Storici
Ticketing, carte prepagate
Sistemi di pagamento per autobus, ferrovie, telefono
Erogazione di servizi sul territorio
Distributori automatici

Automotive, immobilizzatori per auto, motocicli, barche con transponder implementato nella chiave di accensione
Sistemi di sicurezza
Controllo del parco auto e loro manutenzione.

Logistica, stoccaggio e spedizione delle merci
Identificazione pallets, stazioni di lavoro
Gestione rifiuti (memorizzando il peso del contenitore rifiuti nel transponder)
Applicazioni legate alla raccolta differenziata

Magazzini automatici
Ronde di sorveglianza

Robotica e automazione
Controllo nei processi di produzione
Gestione dati nel controllo qualità
Lavanderie Industriali: per il Controllo della Lavorazione ed il Noleggio del Tessile

Per informazioni: info@digimap.net oppure tel: 0585 45734

Torna all'indice